Menu
Austria

GUIDA DI 3 GIORNI A VIENNA

Siamo stati 3 giorni a Vienna tra giardini immensi, architettura imperiale, musei ricchi di storia e sfarzo e i cafè rimasti invariati nel tempo, sono solo alcuni dei motivi per cui Vienna è considerata una delle capitali più belle ed eleganti al mondo e per questo abbiamo deciso di visitarla!

ARRIVO IN AEREOPORTO

Per il centro di Vienna vi consigliamo il CAT, treno diretto che congiunge l’aeroporto con la fermata Wien Mitte/Landstrasse, in centro a Vienna. Il viaggio dura 16 minuti e non prevede fermate intermedie. Il biglietto singolo costa 12€, ma andata e ritorno conviene perché costa 19€.

Come muoversi a Vienna + Sconti per musei ed attrazioni

La Vienna City Card è una proposta conveniente per chi vuole esplorare la città utilizzando i mezzi pubblici. Si può acquistare online, a partire da 13,90 Euro a seconda delle opzioni di validità (24, 48 o 72 ore) e consente di spostarsi con i trasporti urbani. Inoltre offre oltre 200 sconti per musei, negozi e ristoranti della città.

Il Vienna Pass è un pacchetto della durata di 1, 2, 3 o 6 giorni consecutivi (a partire da 59 Euro a persona) che consente l’accesso gratuito ai principali siti d’interesse della città, come il Palazzo e lo Zoo di Schönbrunn, la Ruota Panoramica del Prater, il Museo Albertina e altri. Include i viaggi sui bus hop-on hop-off.

Tram viennesi

PRIMO GIORNO // Opera, Stephansdom (Duomo), Hofburg, MuseumsQuartier

Il nostro itinerario parte dalla fermata della metro Karlsplatz. Appena scesi non potrete non notare l’edificio imponente che ospita l’Opera di Stato di Vienna (Wiener Staatsoper). E’ uno dei più importanti teatri lirici del mondo dove gli appassionati dell’opera possono assistere a produzioni di altissimo livello.

Più di 60 spettacoli d’opera e balletti nell’arco di circa 300 giorni per stagione. L’ampiezza del repertorio operistico non conosce concorrenza a livello internazionale.

Il repertorio dell’Opera di Stato spazia dal Barocco al XXI secolo, con un’attenzione speciale per il XIX secolo. Nella stagione 2018/19 spicca un grande anniversario: l’Opera di Stato di Vienna festeggia “150 di vita del teatro lirico sulla Ringstrasse”.

Sul retro, c’è l’Hotel Sacher, ideale per una pausa nel pomeriggio davanti a un caffè. Molto comuni a Vienna solo le sale da tè e le pasticcerie.

Il Duomo di Santo Stefano (Stephansdom) è il simbolo di Vienna e il più importante monumento gotico dell’Austria. Sulla sua sommità si arriva tramite una scala di 343 gradini da cui si gode di una vista panoramica su Vienna.

Le tegole colorate che rivestono il tetto del duomo di Santo Stefano formano lo stemma dell’aquila bicefala dell’impero asburgico e gli stemmi della città di Vienna e dell’Austria.

Al suo interno ospita anche numerosi sepolcri di personaggi storici importanti. L’imperatore Federico III è sepolto qui in un imponente sarcofago di marmo.

In una cappella apposita riposa per sempre il principe Eugenio di Savoia. E nelle catacombe del duomo di Santo Stefano è sepolto tra gli altri il duca Rodolfo IV d’Asburgo, detto il “Fondatore”, che nel 1359 pose la prima pietra per la nuova costruzione gotica della cattedrale. Inoltre, nelle catacombe si trovano i sepolcri dei cardinali e arcivescovi di Vienna.

Stephansdom. Stephansplatz, 1010 Wien

Il Palazzo imperiale degli Asburgo (Hofburg) racchiude al suo interno molti altri edifici, di stili ed epoche differenti, ma senza dubbio la parte più interessante è costituita dagli appartamenti imperiali.
La visita parte del Museo di Sissi e ne ripercorre la storia, poi si prosegue con l’appartamento dell’Imperatore Francesco Giuseppe e infine a quello dell’imperatrice Elisabetta.

Vi consiglio di acquistare il biglietto “Sissi-Ticket” che ha un costo complessivo di 28,80 euro ma vi permetterà di accedere agli appartamenti imperiali, al museo di Sissi e al museo delle argenterie di corte ma comprende anche la visita al Castello di Schonbrunn.

Sulla sinistra dell’Hofburg, si trova la Spanische Hofreiteschule, la celebre scuola equestre nata nel 1500 con cavalli importati dalla Spagna.

Il Quartiere dei Musei (MuseumsQuartier) è un vasto spazio artistico dove racchiusi musei per ogni gusto. Il Kunsthistorisches Museum

C’è il Mumok, un cubo di basalto grigio che ospita rassegne di arte moderna come Pop Art, Azionismo e arte cinematografica contemporanea. Poi c’è il Leopold, un complesso bianco che ospita soprattutto opere di Klimt e Schiele; ci sono anche la Kunsthalle, centro d’arte contemporanea, e l’Architekturzentrum, museo di architettura. I più piccoli potranno divertirsi al museo di bambini, ZOOM.

Il Museo Albertina, invece comprende la collezione da Monet a Picasso, una galleria con mostre temporanee e una galleria di mostre fotografiche.

SECONDO GIORNO // Castello di Schönbrunn, Hundertwasserhaus, Palmenhaus

Castello di Schönbrunn, il biglietto d’ingresso è compreso nel prezzo del Sissi Ticket. Comprato a parte si può scegliere tra base a 13,30€, Imperial Tour, comprende la visita a 22 stanze del Palazzo, o il Grand Tour per visitare 40 stanze a 16,40€. Ogni tour comprende l’audioguida, fondamentale per capire le varie stanze e immaginare la vita quotidiana di Sissi e della famiglia imperiale. Altri tour comprendono anche la visita al labirinto, al giardino privato e alla orangerie.

Castello di Schönbrunn, Vienna

Il Palmenhaus o Serra delle Palme è uno straordinario edificio in stile liberty che ospita nella parte centrale un ristorante&bar mentre nell’ala sinistra la Schmetterlinghaus, una casa per farfalle e nell’ala destra una serra.

Palmenhaus, Vienna

Un must to see di Vienna è sicuramente : la Hundertwasserhaus.

Questo edificio abitato è unico nel suo genere, lo riconoscerete subito per le sue forme arrotondate, decorazioni multicolore, e piante rigogliose che crescono sul tetto. Ideato da Hundertwasser, l’architetto voleva rompere con la tradizione “noiosa” delle linee classiche viennesi, ricorda le opere di Gaudì per l’evidente ispirazione alla natura ed è divenuto un grande polo d’attrazione turistica, nonostante lo si possa ammirare solo dall’esterno. Kunsthaus Wien/Museum Hundertwasser, racchiude un museo con le opere dell’artista e alcune mostre temporanee.

Hundertwasserhaus , Vienna

TERZO GIORNO // Naschmarkt, Belvedere, Prater

Il 3 giorno raggiungete la vivace via Mariahilferstrasse (fermata metro: Zieglergasse), che piacerà ai più giovani per i negozi e l’energia che si respira. Fate shopping di artigianato viennese, schivate i numerosi skater e comprate qui qualche souvenir originale e mangiate nei tanti fast-food vegetariani e non.

Proseguite verso il centro e visitate il Naschmarkt, il mercato cittadino, che si estende per un lungo tratto tra stand di frutta secca, bar, ristorantini e piccoli negozi molto particolari.

Il Belvedere è tra le più belle residenze estive principesche d’Europa
quindi merita sicuramente una visita: rimarrete abbagliati dalla sua bellezza! Fatto edificare da Eugenio di Savoia, si trova in collina ed è costituito da 2 palazzi contrapposti, collegati tra loro da un immenso giardino alla francese. Nel Belvedere Inferiore vengono solitamente ospitate mostre temporanee, mentre in quello superiore troverete collezioni d’arte meravigliose. Da non perdere assolutamente la sezione dedicata a Klimt, dove è custodito il famosissimo Bacio.

Potrete vedere il dipinto originale del famoso bacio di Klimt nel Belvedere Superiore, oltre ad altre opere dell’artista e del suo pupillo Schiele e a capolavori del Realismo, dell’Espressionismo e dell’Impressionismo.
Vedere il tramonto dai giardini del Belvedere Superiore è un’esperienza che vi consiglio: si ha una bella veduta della città colorata di rosa.

Raggiungiamo il Prater: l’immenso parco di Vienna, famoso in tutto il mondo, che ospita impianti sportivi e un luna park permanente.
Al Prater vi consiglio di salire sulla ruota panoramica: da qui potrete ammirare un panorama davvero meraviglioso di Vienna e vi assicuro che ne vale davvero la pena!

Prater, Vienna
Ruota panoramica, Prater

Nel parco, un po’ nascosto, c’è un edificio sferico circondato da un filo spinato. Si tratta della Repubblica di Kugelmugel, dichiarata indipendente dal 1984 dall’artista austriaco che l’ha ideata (Edwin Lipburger) che si rifiutava di pagare le tasse al governo austriaco e aveva addirittura iniziato a emettere francobolli propri.

Se vi sono piaciuti i nostri spunti per i 3 giorni a Vienna, vi proponiamo cosa vedere a Budapest, Tallinn, Lubiana.

3 Comments

  • Carla Cinzia Galli
    Settembre 17, 2019 at 3:42 pm

    Salve volevo sapere se si può prenotare tre giorni con voi per visitare Vienna, ho letto la vostra guida di tre giorni ed è interessante. Io e mia figlia verremmo tre giorni verso fine ottobre, grazie

    Reply
    • GretaPettazzoni
      Settembre 21, 2019 at 11:45 am

      Ciao Carla, ti ringrazio per averci contattato! Purtroppo non organizziamo ancora viaggi di gruppo a Vienna.
      Siamo però disponibili ad inviarti e personalizzarti una guida di 3 giorni a Vienna personalizzata per te e tua figlia !
      Scrivici una mail con vostre idee e luoghi che desiderate vedere e ti aiuteremo a organizzare il viaggio 🙂

      Reply
  • VALENTINA BOSCHI
    Ottobre 3, 2019 at 11:31 am

    Ciao ragazzi, sono stato a Vienna di recente e avete toccato tutti i punti interessanti della città e anche di più.
    Grazie per i vostri suggerimenti e tips!
    Sarebbe bello avere una guida anche con i posti instagrammabili di Vienna

    Reply

Leave a Reply