Menu
Senza categoria

GUIDA DI 3 GIORNI A BUDAPEST

Una breve guida di cosa fare, cosa vedere e cosa visitare a Budapest per trascorrere un indimenticabile weekend nella capitale dell’Ungheria.
Ecco il nostro itinerario di 3 giorni a Budapest!

Budapest si trova in Europa centrale a circa 200 km da Bratislava e a 243 km da Vienna. Raggiungibile dall’Italia in meno di 1 ora e 30 minuti di volo atterrando all’aeroporto di Budapest Ferihegy.

Budapest è imponente, divertente e vivace. E’ una città dalle molteplici identità ed influenze storiche: c’è quella romana e c’è quella medievale, così come quella più moderna.

E’ una città rilassante, grazie alle numerose e celebri terme e spa che offrono un’esperienza unica e viste panoramiche sulla città.

Budapest maps

PRIMO GIORNO
Quartiere di Buda e Terme Rudas

La prima tappa del nostro itinerario di 3 giorni a Budapest è il Ponte della Catene che collega la città di Buda a Pest. Per secoli Buda e Pest sono state due città separate e solo nei mesi primaverili ed estivi, quando il clima lo permetteva, venivano collegate da ponti galleggianti che poi venivano smontati d’inverno. 

Vista dall’altro del Ponte delle Catene a Budapest

Il primo nucleo di Budapest si sviluppò sulla collina dove sorge il quartiere di Buda. In cima alla collina si trova il complesso del castello che comprende il Palazzo Reale, la Galleria Nazionale, il Bastione dei Pescatori e la Chiesa di Mattia Corvino.

Raggiungere questo complesso sarà molto divertente se utilizzerete la funicolare che si trova davanti al Ponte delle Catene, in alternativa si può optare per la scalinata reale.

Il Castello di Budapest è il simbolo storico-culturale della capitale, e quindi di tutta la nazione ungherese.

La Chiesa di S.Mattia, è una delle più importanti della città, il tetto è completamente ricoperto di mosaici in ceramica a forma di rombo coloratissimi.

Infine ma non per ultimo, anzi degno di tutto il viaggio a Budapest, il maestoso Bastione dei Pescatori, è stato costruito in stile neogotico e neoromanico e regala una magnifica vista sul Danubio.

Bastione dei Pescatori sulla collina di Buda

Un consiglio che vi diamo è di passare una serata a Budapest ai bagni termali Rudas, uno dei complessi termali più belli al mondo. Il corpo centrale che riporta allo splendore delle terme ottomane e all’esterno una bellissima piscina ottagonale. E’ possibile accedere al pacchetto di ingresso serale, il venerdì e il sabato infatti sono aperte dalle 22 alle 4 del mattino.

SECONDO GIORNO
Quartiere di Pest, Quartiere Ebraico e Isola Margherita

Il secondo giorno è dedicato alla scoperta del quartiere dove la risiede la vita pulsante di Budapest. Pest è la parte economica, moderna e frenetica della città, e il viale Andrassy ne è il fulcro.

Percorrendo il viale più famoso d’Ungheria, viale Andrassy notere i numerosi locali, ristoranti, teatri che popolano il quartiere. Non a caso l’Unesco nel 2002 ha inserito la strada nella lista dei beni Patrimonio dell’Umanità.

Ci dirigiamo verso il Palazzo del Parlamento, una tappa che non può mancare nel vostro itinerario di 3 giorni a Budapest. E’ un edificio imponente e iconico, forse il più conosciuto e fotografato. L’esterno in stile gotico che si affaccia sul Danubio lascia senza parole, sia di giorno sia di sera quando viene illuminato da numerosissime luci dorate.

All’ interno uno stile barocco e rinascimentale, tra le tante opere d’arte spicca la Sala della Cupola con la Corona di Re Santo Stefano, simbolo dell’identità nazionale ungherese. E’ il secondo Parlamento più grande del mondo, secondo solo all’immenso Parlamento romeno.

Parlamento di Budapest
Visuale notturna del Parlamento dal quartiere di Buda

A Pest, il quartiere ebraico ha una comunità molto viva, infatti si contano ben 22 sinagoghe, tra cui una che è la più grande d’Europa.

La Grande Sinagoga, è originaria del 1859, è una delle testimoniante più vivide della cultura ebraica nell’Europa continentale.
Nel cimitero ebraico annesso alla Sinagoga vi è sita una scultura chiamata “Albero della vita” a testimonianza della tragedia dell’Olocausto vi è un salice piangente con foglie di metallo con incisi i nomi delle vittime ungheresi.

Non lontano dalla Sinagoga, vi è la Basilica di Santo Stefano, altro simbolo della città, molto fotografo a Budapest. I materiali utilizzati per costruirla come marmo, mosaici e decorazioni dorate contribuiscono al fascino di questa chiesa che può ospitare fino a 8000 fedeli.

Dalla cupola, raggiungibile a piedi o tramite quattro comodi ascensori si gode di una vista stupenda di Pest e della piazza antistante la chiesa. La cupola pareggia in altezza il palazzo del Parlamento quasi a simboleggiare la parità del potere spirituale e temporale.

Basilica di Santo Stefano, nel quartiere di Pest

Al centro del Danubio sorge l’Isola Margherita, raggiungibile percorrendo l’omonimo ponte. L’isola oltre ad essere il polmone verde di Budapest, ospita una fontana musicale, un roseto, un giardino giapponese con tanto di stagno popolato da pesci, una cascata artificiale, e naturalmente le terme.

Noterete sicuramente la cisterna d’acqua dell’Isola Margherita, la torre fornisce l’acqua alle varie strutture dell’isola dal 1900. Da qualche anno, l’edificio ha aperto al pubblico e salendo in cima dalla sua sommità c’è un bellissimo panorama di Buda e Pest.

TERZO GIORNO

Il terzo giorno inizia facendo colazione in viale Andrassy e proseguendo lungo questo viale si trova Piazza degli Eroi.Piazza degli Eroi è il simbolo dell’indipendenza ungherese. Un ampio spazio delimitato dal Monumento del Millenario, con una colonna bianca al centro su cui svetta la statua dell’Arcangelo Gabriele.

Il Parco Varosliget si trova dietro Piazza degli Eroi, è un enorme area verde in centro città, al suo interno c’è un lago che d’inverno diventa una pista di pattinaggio sul ghiaccio, ci sono una decina di ristoranti, il Museo Bambole, il Castello di Vajdahunyad, uno zoo e le terme Széchenji.

I Bagni di Széchenji, risalenti al 1881 in stile neobarocco, ospitano le più famose e suggestive terme della città ed sono un vero e proprio esempio di architettura.


I Bagni di Széchenji, una vera istituzione a Budapest
La piscina esterna dei Bagni termani Széchenji a Budapest

In alternativa alla terme, c’è un bellissimo percorso in mezzo alla natura che noi abbiamo fatto al tramonto perché la vista su Budapest sarebbe stata più suggestiva.

La Gellért Hill è una delle colline che circondano Budapest , si trova a Buda e permette una vista panoramica davvero mozzafiato su Pest e Danubio. Oltre alla vista ci sono monumenti interessanti come la Statua della Libertà ungherese e una Cittadella risalente al periodo Asburgico, una vera fortezza al di sopra della città.

Il nostro itinerario di 3 giorni a Budapest termina qui! Voi siete mai stati a Budapest o avete in programma di andarci? Per qualsiasi informazione pratica non esitate a lasciarci un commento e vi organizzeremo un itinerario adatto alle vostre esigenze!

No Comments

    Leave a Reply